*|MC:SUBJECT|*
#OpenRegione
I PRIMI MESI DI GOVERNO
Da quando sono stato eletto consigliere regionale, tante sono state le attività istituzionali e gli incontri con i cittadini, con le associazioni, nelle aziende e nei luoghi di lavoro, così come le chiacchierate nelle Feste de l’Unità e nei circoli. Sono fermamente convinto che la politica sia un’attività collettiva che vive di confronto e di scambio di opinioni. Per questo motivo desidero coinvolgervi in questa esperienza esponendovi un breve riassunto dei temi principali.

Per quanto riguarda le azioni della Regione, l’approvazione del bilancio 2015 ha segnato l’atto più importante del programma di questi primi mesi di legislatura. Una manovra da 12 miliardi di euro, il cui capitolo più rilevante (circa 8 miliardi) è quello della sanità e delle politiche per la salute e anche del sociale con la conferma del finanziamento del Fondo regionale per la non autosufficienza. Per il turismo e il commercio sono destinati 28,3 milioni, funzionali ad attivare i fondi strutturali europei e sono aumentati di 10 milioni i fondi per la cultura. Superano i 100 milioni di euro le risorse rese disponibili per la difesa del territorio: 25 milioni per la prevenzione e il rischio idrogeologico, 19,5 per la prevenzione e il rischio sismico e 59 milioni per interventi in risposta alle emergenze maltempo.

Si è poi parlato molto del riordino istituzionale che riguarda anche il futuro delle province per le quali è stato fondamentale l'impegno finanziario per sostenere questa fase di transizione e per le misure che si stanno attuando in accordo con i sindacati a tutela di tutti i lavoratori coinvolti nei processi di mobilità. Il progetto di legge sarà votato alla fine di luglio.

Abbiamo poi affrontato altri problemi urgenti come il finanziamento e il completamento delle opere inerenti le casse di espansione del torrente Senio ed altri interventi di messa in sicurezza dei fiumi e della rete scolante.
In relazione all’emergenza per il maltempo di febbraio 2015 sono stati stanziati 3 milioni e 400mila euro per la provincia di Ravenna.

Con i consiglieri romagnoli ho presentato un’interrogazione sul progetto E45-E55 per mettere in sicurezza il tratto viario esistente a vantaggio di cittadini e imprese.

Poi ho illustrato in aula una risoluzione che impegna la Regione a intervenire sul Governo per scongiurare i tagli sui fondi per l'editoria che rischiano di minare la sopravvivenza di oltre 20 testate locali in Emilia-Romagna e a promuovere un piano di sostegno all’editoria.

In stretto rapporto con l’on. Alberto Pagani della Commissione Trasporti della Camera e insieme a tanti lavoratori ci stiamo impegnando affinché la nuova riforma portuale favorisca in ogni modo la crescita del porto di Ravenna che è il primo punto di approdo delle merci in Emilia-Romagna, fondamentale per il territorio e per il sistema economico dell'intera regione

Prosegue il confronto e il mio impegno nel campo dell’agro-alimentare: il Piano di sviluppo rurale 2014-2020 della Regione Emilia-Romagna ha già ricevuto la ‘comfort letter’ della direzione generale agricoltura dell’Unione europea e sosterrà l’agricoltura emiliano-romagnola nei prossimi sette anni. A disposizione ci sono risorse pubbliche per 1 miliardo e 190 milioni. Si tratta della dotazione più alta delle ultime programmazioni e tra tutte le Regioni del nord Italia. Il Piano di sviluppo rurale prevede un premio fino a 50.000 euro ai giovani che aprono un’impresa agricola, stop al consumo di terreno agricolo con 230mila ettari destinati a biologico e produzione integrata, mezzo miliardo e cinquemila progetti di investimento per sostenere le imprese in agricoltura.

Proseguiranno anche in questi mesi estivi gli incontri per rendicontare la mia attività e raccontare cosa sto facendo in Regione insieme al Gruppo e alla Giunta. Lunedì 13 luglio, alle ore 21, nella ex scuola elementare di Villa Inferno a Cervia, parleremo del programma di sviluppo rurale insieme agli assessori regionali Simona Caselli e Andrea Corsini e a Rossella Fabbri e Roberta Penso, assessori del Comune di Cervia.
In seguito sarò a San Pietro in Vicoli dove incontrerò i cittadini, martedì 14 luglio alle ore 20.45, nella nuova sede del circolo PD di via Senna 7.

Poi spero che ci incontreremo nelle Feste de l’Unità per continuare, anche in maniera informale, a dialogare, scambiarci opinioni e raccogliere nuove sollecitazioni per rendere davvero aperte le istituzioni di governo del territorio.

Un caro saluto, a presto!

Gianni Bessi






This email was sent to *|EMAIL|*
why did I get this? unsubscribe from this list update subscription preferences
*|LIST:ADDRESSLINE|*

*|REWARDS|*