“L’esperienza dell’Emilia-Romagna può essere un riferimento a livello nazionale. Innovazione e sostenibilità ambientale devono andare di pari passo”.

“Pieno sostegno al Presidente Bonaccini per promuovere, in sede di Conferenza Stato-Regioni, un tavolo per la revisione dell’articolo 38 dello Sblocca Italia che regola le trivellazioni”. Il capogruppo del PD Stefano Caliandro e il consigliere PD Gianni Bessi, primo firmatario della risoluzione approvata in Aula sulle politiche energetiche, sottolineano come la proposta del Presidente Bonaccini ‘mette a valore il ruolo attivo della Regione Emilia-Romagna e il rapporto che deve legare il governo nazionale e governo dei territori”.

“Tematiche – sostengono gli esponenti del partito democratico – che non possono certo essere certo affrontate in modo populistico attraverso un uso pretestuoso dello strumento referendario. L’esperienza della nostra Regione come l’accordo con il Ministero dello Sviluppo economico sulle attività estrattive su terra e il riconoscimento del titolo di riserva MAB Unesco per l’area del Delta del Po, dimostrano la capacità della nostra regione di coniugare sviluppo, sicurezza e tutela ambientale. Nel distretto emiliano-romagnolo – sottolineano Caliandro e Bessi – lavoro, ambiente, sviluppo, agricoltura, pesca, cultura e turismo hanno trovato un equilibrio virtuoso che ha consentito di conciliare le attività di estrazione con lo sviluppo degli altri settori, progredendo nella ricerca di metodi a minore impatto ambientale. L’obiettivo è di estendendo l’intesa con il MISE anche alle estrazioni Off Shore, promuovendo l’innovazione tecnologica Sicurezza ed indipendenza energetica, crescita eco-sostenibile sono i cardini della una politica che vogliamo portare sul tavolo Stato-Regioni per esercitare la nostra responsabilità di amministratori” – concludono Caliandro e Bessi.

 

Un po’ di rassegna stampa:

dal “Corriere Romagna Rimini” del 30/09/2015

No alle Trivellazioni. La Regione boccia il Referendum

Clicca qui per leggere l’articolo