*|MC:SUBJECT|*
NUMERO 7 del 29 OTTOBRE 2015
Inizio questa nuova newsletter con due aggiornamenti sul tema del lavoro e delle imprese. Lo ritengo indispensabile visto il ruolo del distretto chimico ed energetico ravennate e dell’indotto prodotto su tante filiere del nostro territorio.
L’impatto sull’economia locale è considerevole dove questo comparto è una delle attività trainanti: ci sono professionalità e investimenti importantissimi, c’è lo sviluppo economico ed occupazionale di una intera regione e strategie industriali di scala nazionale ed europea.
QUESTION TIME SUL FUTURO DELLA CHIMICA

Proseguono le trattative da parte di Eni per la cessione di Versalis e la preoccupazione per imprese e lavoratori è forte.  La chimica è un comparto produttivo essenziale per il sistema industriale del Paese e della nostra regione. Il PD ha presentato una interrogazione affinché la Regione verifichi lo stato della trattativa e promuova un tavolo di coordinamento che coinvolga tutte le realtà coinvolte.
Leggi l'interrogazione
POLO ENERGETICO RAVENNATE:
L'INCONTRO CON PALMA COSTI A RAVENNA

Le problematiche e l’occupazione delle aziende del distretto energetico ravennate legate alle attività estrattive in Adriatico. Ma anche la conferma della richiesta di un confronto con il Governo su questi temi e la previsione a breve di un incontro con i vertici Eni. Sono questi i temi al centro di una riunione che si è svolta a Ravenna tra l'assessore regionale alle Attività produttive e piano energetico Palma Costi, il sindaco Fabrizio Matteucci, il vicesindaco Giannantonio Mingozzi e l'assessore comunale alle attività produttive Massimo Cameliani. All'incontro erano presenti rappresentanti di grandi aziende del settore, di piccole imprese legate all’indotto, esponenti nazionali di Assomineraria, Confindustria ed Enel nonché i rappresentanti di associazione di categoria.
 
Per saperne di più
PORTO: NO ALL'ACCORPAMENTO DI RAVENNA CON ALTRI SCALI

Evitare l'ipotesi di accorpamento di Ravenna con altre realtà portuali, no ad una governance dei porti decisa senza la partecipazione di Regione ed enti locali, garantire la tutela del personale dipendente delle autorità portuali, la sicurezza sul lavoro e la legalità. In vista dell'adozione del Piano strategico nazionale della portualità e della logistica, attualmente al vaglio delle Commissioni parlamentari, l'Assemblea legislativa regionale ha approvato a larga maggioranza una risoluzione, che ho presentato come primo firmatario,  che impegna la Giunta ad attivarsi al fine di rivedere le argomentazioni assunte dal Governo.
Leggi la risoluzione
LE VERE CIFRE DELL’EVASIONE FISCALE

Da quando è stata presentata la proposta di legge di stabilità 2016 ha ripreso piede l’annosa questione dell’evasione fiscale nel nostro paese, scatenata dalla norma ivi prevista di innalzamento a 3000 euro del massimale di pagamento in contanti.
Ovviamente in parallelo sono volate, come al solito, cifre più o meno ridondanti del suo ammontare (si arriva fino a 180.000 euro l’anno ).
Chi ha sempre seguito il florilegio di cifre buttate lì da questo o quel personaggio (pardon esperto) o da questo o quel giornale non può fare a meno di constatare il progressivo ingigantimento del mostro.  
Eppure da tempo ormai sono in circolazione studi e ricerche (Agenzia delle Entrate , ISTAT , Banca d’Italia), documenti riportanti dibattiti e  audizioni parlamentari contenenti stime di questa “oscura entità” ottenute con metodologie “scientifiche” avvalorate da organizzazioni internazionali.
Invece di sparare cifre, non si sa come calcolate, basterebbe leggersi l’allegato alla NOTA DI AGGIORNAMENTO DEL DEF 2015 del settembre di quest’anno, “Rapporto sui risultati conseguiti in materia di misure  di contrasto dell’evasione  fiscale” contenente anche la stime della sua entità, documento che la la legge di stabilità 2013, prevede che il Ministro dell'economia e delle finanze presenti annualmente.
Il rapporto illustra le metodologie utilizzate e la stima della tax non compliance per le principali imposte. La stima della tax non compliance è ottenuta attraverso la quantificazione del c.d. tax gap, ovvero la differenza tra l’ammontare del gettito teorico di ciascuna imposta e l’ammontare del gettito effettivamente riscosso.
È inoltre, illustrata la dinamica temporale del tax gap nel corso degli ultimi anni.
Ecco i numeri:
 
L’evasione - in realtà tributaria perché è al netto di quella contributiva - è stimata nella media 2007-2013 pari a quasi 91.500 miliardi di euro e in leggera diminuzione, sia in valore assoluto che in rapporto al pil, rispetto quella del periodo precedente 2001-2006.
La Figura III.7 del rapporto riporta, sempre con riferimento al periodo 2007-2013, il confronto tra i valori medi del tax gap regionale e quelli della propensione regionale (Tax Gap %) all’evasione.
La propensione media regionale viene calcolata, per ciascuna regione, come rapporto tra il tax gap medio del periodo e il gettito potenziale (GPot) medio del periodo:
Come si puo’ leggere nel rapporto “La distribuzione regionale del tax gap, sia in valori assoluti che in intensità, si presenta fortemente eterogenea. In particolare, in termini di valori assoluti la distribuzione conferma che valori più elevati di evasione si attestano nelle regioni settentrionali mentre in termini di propensione all’evasione emergono risultati opposti. Le regioni meridionali, infatti, manifestano livelli più elevati di intensità di evasione che in alcuni casi sfiora il 60 per cento (60 centesimi di gettito evaso per ogni euro regolarmente versato)."
Il rapporto di oltre un centinaio di pagine contiene ovviamente tutto quello che si è fatto e si farà in merito al contrasto dell’evasione fiscale. Ci si confronti su questo.
Ringrazio Paolo Montanari per i dati che mi ha fornito e per la sua preziosa collaborazione, grazie alla quale periodicamente presentiamo statitistiche sui dati locali.
REPORT SUI BANDI DI FINANZIAMENTO DEI FONDI STRUTTURALI EUROPEI

Vi segnalo i link ai quali si può fare riferimento per essere sempre aggiornati sulla pubblicazione dei bandi:

AGRICOLTURA: PSR
Bandi del Programma di sviluppo rurale 2014-2020
 
ATTIVITA’ PRODUTTIVE: POR FESR
Progetti di ricerca e sviluppo delle imprese, scadenza 30 ottobre 2015

Progetti di ricerca industriale strategica in ambito energetico, scadenza 30 novembre 2015

Informazioni necessarie per partecipare ai bandi

FORMAZIONE: FSE
Programma regionale in materia di cinema e audiovisivo
I PROSSIMI INCONTRI

Giovedì 5 novembre sarà ricordata, dalle ACLI Emilia Romagna, la figura del celebre politico romagnolo Benigno Zaccagnini. La giornata inizierà alle ore 17 nella Basilica di S. Maria in Porto a Ravenna con la celebrazione eucaristica. Alle ore 18.15 nella Sala Cavalcoli della Camera di Commercio ci sarà l’intervento dell’on. Dario Franceschini, ministro dei Beni Culturali.
Giovedì 12 novembre parteciperò ad una interessante tavola rotonda sul tema “Futuro ed energia”, organizzata dal consiglio direttivo del The International Propeller Club Port of Ravenna con il Patrocinio della Camera di Commercio.
Venerdì 13 novembre sarà ospite della direzione provinciale del PD di Ravenna Luigi Marattin, consigliere economico del presidente del Consiglio Matteo Renzi.
Lunedì 16 novembre ho organizzato insieme al direttivo del Circolo PD delle imprese una cena conviviale a Lido Adriano.
Ringrazio tutti coloro che mi hanno espresso apprezzamento per questa newsletter. Credo che sia importante mantenere un contatto diretto attraverso questo resoconto su lavori e scelte della Regione che hanno un impatto sulla nostra vita di cittadini. Per questo vi invito a scrivermi ancora le vostre osservazioni, proposte e anche le critiche!

Cari saluti

Gianni
Facebook
Facebook
Twitter
Twitter
Website
Website
Share
Tweet
Forward






This email was sent to *|EMAIL|*
why did I get this?    unsubscribe from this list    update subscription preferences
*|LIST:ADDRESSLINE|*

*|REWARDS|*