*|MC:SUBJECT|*
MAGGIO 2018
POLITICA AGRICOLA COMUNE NEL BILANCIO UE

In questo periodo sto seguendo attentamente la proposta di un nuovo modello di riforma che potrebbe far fallire il pilastro fondamentale della Politica agricola dell'Unione Europea: la sua dimensione comune. La ri-nazionalizzazione della PAC, che rappresenta da sempre una politica di crescita del sistema agricolo e alimentare europeo, è un rischio inammissibile che cercherò di scongiurare, attivandomi in ogni sede possibile.
Programmare piani nazionali, anche per i pagamenti diretti agli agricoltori e per i sostegni, significa ricondurre il sistema a modelli nazionali se non regionali con potenziali distorsioni della concorrenza tra territori, minando così la più importante politica economica e territoriale di cui ha così tanto beneficiato il settore agricolo.
Questo dovrebbe spingerci a riflettere su come i movimenti e i partiti che criticano l’Europa e richiamano a sovranismi nazionali potrebbero liquidare con troppa facilità alcune politiche fondamentali per la nostra economia.
Per saperne di più
L’EMILIA ROMAGNA PUNTA A UN’EUROPA CHE COINVOLGA I CITTADINI

Il ruolo delle Regioni nella formazione delle politiche europee e la partecipazione democratica dei cittadini all’Europa è stato al centro del dibattito della Sessione europea 2018 del 21 maggio. Un’occasione istituzionale per fare il bilancio sulla partecipazione della Regione Emilia Romagna alla formazione e attuazione del diritto e delle politiche dell’Unione europea.
È stato un momento importante che l’assemblea legislativa ha condiviso con Barbara Duden, Presidente della commissione CIVEX, Comitato europeo delle Regioni. La nostra regione punta a coltivare il rapporto con l’Unione europea, soprattutto per ritrasmettere alle persone il senso dell’Europa. Sono i cittadini che devono contribuire a rafforzarla e migliorarla e al tempo stesso la politica deve costruire un dialogo con loro. In quest’ottica proprio poche settimane fa, è stata approvata la riforma della legge 16/2008 sulla partecipazione dell’Emilia-Romagna alla formazione e implementazione delle politiche europee.
Le Regioni possono giocare un ruolo strategico soprattutto in un periodo di euroscetticismo. Coesione sociale e politica agricola comune vanno sostenute con le giuste risorse, perché sono strumenti indispensabili per lo sviluppo dei territori. Di fronte ai nuovi sovranismi dall’Assemblea può risuonare forte questo messaggio: ricostruiamo l’Europa dai cittadini, dai territori e dalle Regioni puntando su una maggiore democrazia delle istituzioni.
AGROALIMENTARE, IL PD PROPONE NUOVI REATI DI DISASTRO SANITARIO E OMESSO RITIRO DI SOSTANZE PERICOLOSE

Nelle sedute dell’Assemblea legislativa dell’8 e 9 maggio è stato dato il via libera alla risoluzione a cui ho aderito di Partito democratico, Sinistra Italiana e gruppo misto-Mdp (primo firmatario Paolo Calvano del Pd) che impegna la giunta a chiedere al Parlamento la realizzazione di una nuova legge contro i reati agroalimentari, una legge importante visto che siamo un Paese che ha fatto del made in Italy la propria peculiarità. Il passato Parlamento ha già dettato linee guida, dunque l’invito di questa risoluzione è riprendere il percorso e completare l’iter, in modo che la proposta di legge possa vedere la luce. La proposta vede l’introduzione anche di nuovi reati, che vanno dal disastro sanitario all’omesso ritiro di sostanze alimentari pericolose dal mercato, dal contrasto all’agropirateria alla difesa del patrimonio agroalimentare.
Per saperne di più
LA POLITICA AL TEMPO DEI SOCIAL, TRA PARTECIPAZIONE E LEGITTIMAZIONE

Come politico una domanda mi si impone: cosa legittima il potere politico? Insieme all’eclettico Filippo Onoranti, che coniuga un Phd in filosofia e collaborazioni con aziende dalla Silicon Valley alla crypto valley di Zugo, per lo sviluppo di applicazioni della tecnologia blockchain, concordo che parlare di tecnologie non serve senza collegarle all’organizzazione di comunità sociali, siano esse aziende di business o partiti politici, perché le idee hanno bisogno di gambe! Per questo stiamo sviluppando una serie di riflessioni, pubblicazioni e progetti su come le nuove tecnologie possono divenire uno strumento per soddisfare l’eterno bisogno del potere politico di legittimazione, e la chiave è sempre una partecipazione che resti attiva e interattiva. Continua a leggere
Come sempre vi ringrazio anticipatamente dei vostri pareri, delle critiche e, perché no, anche dei complimenti che siete soliti mandarmi.

Gianni

 
AFORISMA
Gli italiani corrono sempre in aiuto del vincitore
Ennio Flaiano
Facebook
Facebook
Twitter
Twitter
Website
Website
Share
Tweet
Forward






This email was sent to *|EMAIL|*
why did I get this?    unsubscribe from this list    update subscription preferences
*|LIST:ADDRESSLINE|*

*|REWARDS|*